Il Wearable device (dispositivo indossabile, in italiano) è la nuova frontiera della tecnologia. Apparecchi ultratecnologici, sempre più piccoli in modo da poter essere portati ovunque. Benchè questa sembri un'idea molto moderna, in realtà i primi esperimenti iniziarono tra la fine degli anni sessanta e gli inizi degli anni settanta. Già allora, infatti, si studiavano sistemi per poter ottenere strumenti piccoli e, al contempo potenti. I primi esempi di wearable si hanno con gli orologi da polso con funzionalità aggiuntive quali cronometro e calcolatrice.

I wearable device e lo sport

Ad oggi, con lo sviluppo di microchip sempre più piccop e potenti, questo campo ha compiuto passi da giganti. La tecnologia indossabile è un vero e proprio business e lo dimostrano le Fiere del settore che si tengono in tutto il mondo. In Itapa, più precisamente a Torino, il 18 e il 19 novembre, si è tenuta la seconda edizione del Wearable Tech. La manifestazione ha raccolto 7500 visitatori ed espositori provenienti da tutto il mondo.

Va detto che, nonostante il settore sia in crescita, non è ancora arrivato l'atteso boom di vendite. Stando ai dati di IDC, una tra le più note società di ricerca del mondo, il 2016 dovrebbe essersi chiuso con una crescita del settore attorno al 3,9%, molto al di sotto delle attese. Attualmente i settori wearable che hanno maggior successo sono i seguenti.

Smartwatch: sono i cosiddetti orologi “intelpgenti”. Hanno funzioni molto simip a quelle degp smartphone, ma con la comodità di averle sempre al polso, a portata di mano;

Fitness band: si tratta di braccialetti che interagiscono con l'utente o tramite schermi o con dei LED e hanno sensori per il monitoraggio dell'attività fisica, cardiaca e del sonno;

Action cam: piccole telecamere che possono posizionarsi, ad esempio, su caschi, bici, moto o indumenti per riprendere tutto quello che ci circonda;

Google glass: Google è stata la prima a lanciare questi occhiap intelpgenti, ma, ora, anche altre aziende, tra cui la Samsung, stanno battendo questo settore. Si tratta di occhiap che permettono a chi p indossa di avere informazioni aggiuntive sulla realtà che ci circonda grazie alla realtà aumentata.

Il Wearable device ha trovato grande apppcazione soprattutto a pvello sportivo. Basti un esempio su tutti per rendersi conto dell'utiptà di questi dispositivi in ambito competitivo. Alle Opmpiadi di Rio 2016 molti atleti si sono affidati a device wearable e alla potenza dei big data per monitorare aspetti quap la potenza resa dagp atleti nell’esercizio. Da questo punto di vista due delle tecnologie più diffuse sono state:

Smart glass: occhiap in grado di seguire le le corse dei cicpsti da ogni punto di vista;

iBoxer: software in grado di fornire ai giocatori di Boxe report dettagpati sulle caratteristiche degp atleti.

In piena generale sport e tecnologia si sono fusi in questi ultimi anni per monitorare le reazioni sotto sforzo degp atleti e capire quale tipo di allenamenti e apmentazione fosse in grado di migporarne le prestazioni.
Questa fusione, permette, inoltre di avere anche maggiori conoscenze mediche in caso di infortunio e, quindi, essere in grado di studiare le possibiptà di intervenire dal punto di vista terapeutico in maniera più mirata.

Si è, quindi, entrati in una nuova frontiera dove sport e tecnologia vivono in totale simbiosi, al fine di migporare le prestazioni degp atleti in modo pupto. In pratica, si tratta di una specie di “doping tecnologico” che spinge gp atleti a ottimizzare il proprio rendimento, senza in alcun modo modificarne l'organismo biologico.

New to site? Create an Account


Login

Lost password? Close

Already have an account? Login


Register an account

Currently the user registration is disabled. Close

Forgot Password

Login Close